Allenamenti
Kumiai primo incontro con il Mental Coach – Riscaldamento mentale

Oggi al Kumiai – Sede in Strada Bottione 6 – Druento- si è tenuto il primo incontro che ha visto come protagonisti i nostri atleti di eccellenza e il Dott. Turini di cui vi avevamo dato alcune anticipazioni nel nostro ultimo articolo.

L’incontro odierno si è basato essenzialmente sul “riscaldamento mentale” e sull’importanza di avere il “giusto atteggiamento” nell’affrontate quegli elementi che possono generare in noi stati di stress ed ansia.

Ma vediamo nel dettaglio le tematiche affrontate:

Come detto l’argomento principale, da cui si è partiti, è stato il riscaldamento mentale  un ‘’processo’’ che crea il giusto atteggiamento mentale  e  la giusta concentrazione su ciò che conta escludendo, allo stesso tempo, tutte le attività di pensiero che intossicano ed inquinano la nostra mente, alimentando, come conseguenza, stati di tensione e paura.

Il punto chiave nel processo di riscaldamento mentale è l’abilità nel visualizzare o creare immagini tuttavia esso non sostituisce la preparazione fisica piuttosto diventa complementare ad esso ed  usati insieme incrementeranno la performance sportiva.

Il ‘’giusto atteggiamento’’ nell’affrontare l’avversario nel turno di gara è certamente un elemento importante anzi direi fondamentale che deve andare a braccetto con la consapevolezza di avere un piano mentale nell’affrontare un imprevisto che per un’atleta può voler dire dover recuperare una situazione di svantaggio. Proprio in queste situazioni è necessario avere il giusto atteggiamento per affrontare una situazione negativa dalla quale si deve essere bravi ad uscire. Questo è possibile soltanto se si crede prima di tutto in se stessi e nelle proprio capacità in caso  contrario si rischia di vedere nella nostra mente un avversario che è molto più forte di quello che esiste nella realtà davanti a noi sul tatami….

Si è poi parlato di ” allenamento mentale nello sport”  termine con cui si intende un insieme di tecniche che aiutino gli atleti a riscaldarsi mentalmente in previsione di una gara, a caricarsi psicologicamente in un momento specifico di questa, affrontandola con il giusto atteggiamento,  restando concentrati durante la prestazione agonistica, essendo capaci di gestire lo stress prima, durante e dopo l’evento sportivo.

 

L’allenamento mentale consiste, dunque, in una serie di attività atte a creare “ una positiva collaborazione tra la mente ed il corpo” al fine di garantire all’atleta il massimo livello di prestazioni. Per ottenere questo obiettivo, mente e corpo  devono essere allenati, a lavorare insieme, come una squadra, come un’unica cosa.

 

Un atleta che fa buon uso dell’allenamento mentale, riesce a concentrarsi e a focalizzarsi sul singolo combattimento che viene così gestito con calma, momento per momento, ma privo di quell’ansia che può far, invece, commettere errori. In questo modo si conservano energie mentali e l’atleta mantiene l’efficienza per tutto il match perché monitora, nelle varie fasi, il comportamento del proprio corpo adattandolo, in tempo reale, alle tecniche di attacco portate dall’avversario.

Una buona “forma mentale” ottimizza l’efficienza del combattimento e quindi, inevitabilmente, va ad influenzare in modo positivo il suo risultato.

E’ fondamentale imparare a riscaldare la nostra mente.

Riscaldamento mentale, caricamento psicologico, ed esecuzione mentale sono attività connesse tra di loro ma non sono la stessa cosa.

Le attività di caricamento psicologico sono utilizzate per aumentare l’attivazione ed il dinamismo (ad esempio prima di una gara), oppure per evitare che sopravvenga uno “scaricamento” della concentrazione.

Il caricamento psicologico è importante nell’approccio  mentale dello sportivo, ma solo se usato in maniera corretta; in caso contrario ne potrebbe inibire la prestazione.

Infine sono state proposte delle attività pratiche, esercizi che si possono fare anche lontano dai luoghi di allenamento e/o di gara, ad esempio nella nostra abitazione, nel tempo libero, che aiutano la mente ed il corpo a comprendere quale sia  il livello ottimale di carica e ricrearlo.

Gli atleti al termine dell’incontro si sono detti molto soddisfatti per come sono stati trattati gli argomenti e le esaustive risposte alle loro domande.

Vi aspettiamo mercoledì prossimo per un nuovo incontro con il Dott. Turini.

Mi raccomando …….continuate a seguirci numerosi!

 

About the author

Related Post

Leave a comment

Count per Day
  • 90001Totale visitatori:
  • 0Utenti attualmente in linea:
Instagram Kumiai
KUMIAI SOCIETA SPORTIVA DILETTANTISTICA a RESPONSABILITA’ LIMITATA

Sede legale in Druento, Strada Bottione n. 6 Iscritta al Registro Imprese di Torino – CF e numero iscrizione 97744410016

Iscritta al R.E.A. di Torino n. 1232397 – Capitale sociale sottoscritto euro 10000 Interamente Versato – P.iva 10704930014

Privacy & Cookie Policy

 

Youtube Kumiai